Premio Apollonio a John Turturro

  • a-premio-IntervistaTurturro.jpg
  • a-wpremio-pubblico.jpg
  • Neri_Marcorè_Marcello_Apollonio__Diego_Turturro_Katherine_Borowitz_Massimiliano_Apollonio_John_Turturro.jpg
  • Turturro_durante_lintervista.jpg
  • Umberto_Pantani_e_Neri_Marcore.jpg
  • wpremio-turturroARRIVO.jpg
  • _Brunori_sas_durante_lesibizione.jpg
  • _Neri_Marcorè_con_la_pattuglia_acrobatica_delle_Frecce_tricolori.jpg

“Nella mia vita ho fatto molti errori. Non posso dire quali. Ma ho sempre imparato da questi. Nella carriera di un attore il talento è importante, ma è ancora più importante il duro lavoro e lo spirito di sacrificio”. Fresco di cittadinanza onoraria a Giovinazzo, l’attore e regista hollywoodiano, John Turturro parla a cuore aperto, nel ricevere il Premio Apollonio 2019, durante il suggestivo evento organizzato dalla Cantina Apollonio. Sta al gioco dell’intervista condotta dal direttore artistico e presentatore della serata Neri Marcorè, ma viene vinto dall’emozione quando alla fine, tra gli applausi generali ricorda e ringrazia suo padre: “Ringrazio, mio padre, Raffaele Turturro, che partì da Giovinazzo per imbarcarsi su una nave e arrivare fino a New York, sfidando il rischio e il pericolo. Senza di lui, io non avrei potuto realizzare nulla”. Ancora una star del cinema americano brilla sul palco al centro del Rettorato per il premio Apollonio edizione 2019.

Ora scanzonato, ora dissacrante, a volte aulico con accenti e modi di dire salentini, Neri Marcorè ha condotto la serata davanti a una platea piena, divertendo e rendendo tutto meno formale. Presenti le massime autorità. Sul palco sono sfilati i piloti de Le Frecce Tricolori, che pochi sanno, vengono formati e appartengono al 61mo stormo di Galatina. Una lancia a favore anche dell’Unione Sportiva Lecce, la cui maglietta è stata donata all’attore italo-americano.

Di grande spessore l’artista Ubaldo Pantani, famoso per le sue imitazioni durante la trasmissione Quelli che il calcio. Uno dopo l’altro, incalzato dal presentatore, Pantani ha imitato, improvvisando, personaggi del mondo dello spettacolo, del calcio e della politica. Ma ha riservato anche una deliziosa imitazione alla sconosciuta direttrice di Spiagge, Carmen Mancarella, che molto candidamente ha ammesso dietro le quinte di non averlo riconosciuto e che lo ha incalzato anche con domande sulla sua vita privata. A questo colpo di scena dedichiamo un articolo a parte.

Frizzante e divertente l’esibizione del cantautore calabrese Brunori Sas che ha duettato con Neri Marcorè.

Ha annunciato che sta girando il suo prossimo film nel Salento, il premio Oscar per gli effetti speciali, Antony Lamolinara. La storia si ispira ad uno chef pazzo. “E’ uno psyco triller… spiega lui, che è rimasto affascinato dal fenomeno del tarantismo nel Salento.

Su tutto aleggiano Helen Mirren e Tylor Hackford, che hanno affidato l’amico John Turturro alle cure e alle attenzioni dei loro più stretti collaboratori, l’avvocato Pietro Nuccio e Paolo Serrano.

Helen Mirren, Premio Oscar per l’interpretazione della regina Elisabetta nel film The Queen, cittadina onoraria di Tiggiano ha ricevuto il premio lo scorso anno.

“Il premio”, commenta Massimiliano e Marcello Apollonio, “è nato per fare un omaggio ai nostri genitori, Elvira e Salvatore. Erano dei grandi lavoratori e avevano come unica distrazione il Teatro. Così 15 anni fa, iniziammo con il premiare attori teatrali. Poi arrivò Serena Dandini, la quale ebbe l’idea di coinvolgere l’Università e da quel momento abbiamo premiato grandi nomi della cultura, del cinema, dell’arte di origini pugliesi o che abbiano ricevuto comunque la cittadinanza onoraria in Puglia, facendo grande la nostra Puglia, come Sergio Rubini, Helen Mirren, Antonio Caprarica…”

“L’anno prossimo faremo un importante brindisi. Brinderemo ai primi 150 anni della Cantina”.

Premio Apollonio a John Turturro

  • a-premio-IntervistaTurturro.jpg
  • a-wpremio-pubblico.jpg
  • Neri_Marcorè_Marcello_Apollonio__Diego_Turturro_Katherine_Borowitz_Massimiliano_Apollonio_John_Turturro.jpg
  • Turturro_durante_lintervista.jpg
  • Umberto_Pantani_e_Neri_Marcore.jpg
  • wpremio-turturroARRIVO.jpg
  • _Brunori_sas_durante_lesibizione.jpg
  • _Neri_Marcorè_con_la_pattuglia_acrobatica_delle_Frecce_tricolori.jpg

“Nella mia vita ho fatto molti errori. Non posso dire quali. Ma ho sempre imparato da questi. Nella carriera di un attore il talento è importante, ma è ancora più importante il duro lavoro e lo spirito di sacrificio”. Fresco di cittadinanza onoraria a Giovinazzo, l’attore e regista hollywoodiano, John Turturro parla a cuore aperto, nel ricevere il Premio Apollonio 2019, durante il suggestivo evento organizzato dalla Cantina Apollonio. Sta al gioco dell’intervista condotta dal direttore artistico e presentatore della serata Neri Marcorè, ma viene vinto dall’emozione quando alla fine, tra gli applausi generali ricorda e ringrazia suo padre: “Ringrazio, mio padre, Raffaele Turturro, che partì da Giovinazzo per imbarcarsi su una nave e arrivare fino a New York, sfidando il rischio e il pericolo. Senza di lui, io non avrei potuto realizzare nulla”. Ancora una star del cinema americano brilla sul palco al centro del Rettorato per il premio Apollonio edizione 2019.

Ora scanzonato, ora dissacrante, a volte aulico con accenti e modi di dire salentini, Neri Marcorè ha condotto la serata davanti a una platea piena, divertendo e rendendo tutto meno formale. Presenti le massime autorità. Sul palco sono sfilati i piloti de Le Frecce Tricolori, che pochi sanno, vengono formati e appartengono al 61mo stormo di Galatina. Una lancia a favore anche dell’Unione Sportiva Lecce, la cui maglietta è stata donata all’attore italo-americano.

Di grande spessore l’artista Ubaldo Pantani, famoso per le sue imitazioni durante la trasmissione Quelli che il calcio. Uno dopo l’altro, incalzato dal presentatore, Pantani ha imitato, improvvisando, personaggi del mondo dello spettacolo, del calcio e della politica. Ma ha riservato anche una deliziosa imitazione alla sconosciuta direttrice di Spiagge, Carmen Mancarella, che molto candidamente ha ammesso dietro le quinte di non averlo riconosciuto e che lo ha incalzato anche con domande sulla sua vita privata. A questo colpo di scena dedichiamo un articolo a parte.

Frizzante e divertente l’esibizione del cantautore calabrese Brunori Sas che ha duettato con Neri Marcorè.

Ha annunciato che sta girando il suo prossimo film nel Salento, il premio Oscar per gli effetti speciali, Antony Lamolinara. La storia si ispira ad uno chef pazzo. “E’ uno psyco triller… spiega lui, che è rimasto affascinato dal fenomeno del tarantismo nel Salento.

Su tutto aleggiano Helen Mirren e Tylor Hackford, che hanno affidato l’amico John Turturro alle cure e alle attenzioni dei loro più stretti collaboratori, l’avvocato Pietro Nuccio e Paolo Serrano.

Helen Mirren, Premio Oscar per l’interpretazione della regina Elisabetta nel film The Queen, cittadina onoraria di Tiggiano ha ricevuto il premio lo scorso anno.

“Il premio”, commenta Massimiliano e Marcello Apollonio, “è nato per fare un omaggio ai nostri genitori, Elvira e Salvatore. Erano dei grandi lavoratori e avevano come unica distrazione il Teatro. Così 15 anni fa, iniziammo con il premiare attori teatrali. Poi arrivò Serena Dandini, la quale ebbe l’idea di coinvolgere l’Università e da quel momento abbiamo premiato grandi nomi della cultura, del cinema, dell’arte di origini pugliesi o che abbiano ricevuto comunque la cittadinanza onoraria in Puglia, facendo grande la nostra Puglia, come Sergio Rubini, Helen Mirren, Antonio Caprarica…”

“L’anno prossimo faremo un importante brindisi. Brinderemo ai primi 150 anni della Cantina”.