Salento, luoghi dell'anima


  • Foto 1 / 38


    Dai riti della Settimana Santa alle Tavole di San Giuseppe di Erchie, passando per i percorsi nella natura.

  • Foto 2 / 38
    1francavilla-pappamusci


    I riti della Settimana Santa sono da vivere a Francavilla Fontana, dove i pappamusci, penitenti incappucciati e con i piedi scalzi, visitano il Giovedì Santo in coppia le meravigliose chiese di Francavilla, dove sono allestiti i sepolcri

  • Foto 3 / 38
    2francavilla-pappamuscicroci


    La notte del Venerdì Santo i pappamusci trascinano in processione croci pesantissime di legno, tra la commozione dei fedeli.


  • Foto 4 / 38
    3francavilla-palazzodegliimperiali


    Ma Francavilla è anche città d’arte. Da non perdere una visita alle chiese e a Palazzo degli Imperiali, sede del Municipio.


  • Foto 5 / 38
    4oria-gesmorto


    Oria è la prima città del Salento a celebrare i riti della Settimana Santa. Infatti tutti i giovedì di marzo che precedono la Pasqua gli oritani partecipano a una breve, ma intensa cerimonia con cui la Statua di Cristo Morto viene portata dalla chiesa delle Benedettine alla Cattedrale


  • Foto 6 / 38
    5oria-lapassionew


    I volontari del Gruppo di promozione umana mettono in scena la Passione, una rappresentazione che attrae tantissimi fedeli


  • Foto 7 / 38
    7martignano-cantori


    Intanto, dalla Grecìa Salentina riecheggiano i Canti della Passione, intonati dagli anziani, proprio come si faceva una volta, quando i nostri nonni, raccontavano con commozione la Passione e la Morte di Gesù. I canti sono in griko, una lingua molto simile al greco, importanta nel Salento dagli Antichi Greci e riverdita dai Monaci bizantini intorno al XI secolo, in fuga dall’Oriente per le persecuzioni iconoclaste

  • Foto 8 / 38
    8calimerapietraforata


    Appuntamento il lunedì dell’Angelo a Calimera , nella Grecìa Salentina, per partecipare al Rito della Rinascita. Si passa attraverso un’antica pietra forata che simboleggia il parto, quindi il mito della Dea Madre e della Rinascita. Intorno alla pietra, confitta nel terreno, è stata costruita la chiesetta rurale di San Vito, tra alberi di ulivo e muretti a secco.

  • Foto 9 / 38
    8erchie-focaradisangiuseppe


    A Erchie il 18 marzo si celebra la Vigilia della Festa in onore di San Giuseppe…


  • Foto 10 / 38
    9erchie-focaradisangiuseppe1


    Alta 10 metri e con un diametro di 16, la focara di Erchie, costruita con i rami secchi dell’ulivo è l’ultima festa del fuoco del Salento e segna il passaggio dall’inverno alla primavera. Le feste del fuoco iniziano con la focara di Sant’Andrea a Presicce (29 e 30 novembre), culminano la la Focara di Novoli (16 e 17 gennaio) per arrivare alla festa di Erchie.


  • Foto 11 / 38
    10erchie-tavoledisangiuseppe


    L’indomani, il 19 marzo, al via le tipiche Mattre (le Tavole) di San Giuseppe, che, allestite sul corso principale, vengono imbandite con tredici pietanze legate alla simbologia cristiana e all’arrivo della Primavera


  • Foto 12 / 38
    11erchie-uccellidipaneportafortuna


    Tutti, dopo la benedizione delle Tavole da parte del sacerdote, possono prendere di quel cibo. Da non perdere gli uccellini di pane, portafortuna.


  • Foto 13 / 38
    12nard-portoselvaggio


    In attesa di partecipare a queste magnifiche feste e ai riti della Settimana Santa, niente di meglio che ritemprare lo spirito, facendo una passeggiata ai confini tra cielo e mare a Portoselvaggio, nel Comune di Nardò


  • Foto 14 / 38
    13nard-piazzaw


    Il centro è barocco, con piazze e monumenti tipici dell’arte salentina, sbocciata nel ‘600.


  • Foto 15 / 38
    14nard-lecenateville


    Lungo la via che porta al mare, verso Santa Caterina, si possono ammirare maestose ville di fine ‘800 appartenute alla nobiltà locale. Si tratta delle ville eclettiche: eclettiche nello stile, visto che gli architetti avevano il compito di stupire i committenti e i loro amici.


  • Foto 16 / 38
    15nard-museodellaccoglienza


    Ma Nardò ha anche ricevuto da presidente della Repubblica la medaglia al valor civile, perché immediatamente dopo la Seconda Guerra Mondiale, accolsero un campo profughi di ebrei, nella marina di Santa Maria al Bagno. Le tracce della memoria si possono leggere nel Museo dell’Accoglienza, a Santa Maria al Bagno.


  • Foto 17 / 38
    16castro-borgo


    Altro luogo incantevole è Castro, un borgo medioevale, frequentato sin dalla Preistoria e in età messapica


  • Foto 18 / 38
    17castro-castello


    Bellissimo il castello, di proprietà comunale, che domina il mare.

  • Foto 19 / 38
    18castro-panorama


    Un panorama mozzafiato, tra costone roccioso, mare e macchia mediterranea, ritempra lo spirito. Da non perdere una visita alla Grotta Zinzulusa dove le stalattiti e le stalagmiti danno vita a vere e proprie sculture.


  • Foto 20 / 38
    20mesagne-carciofobrindisino


    Intanto a Mesagne fervono i preparativi per la Festa in onore del carciofo brindisino Igp, il 14 aprile prossimo.
    E’ un progetto varato dal Gruppo di azione locale Terra dei Messapi di Mesagne che si è posto l’obiettivo di valorizzare e rilanciare l’economia locale attraverso le tipicità.




  • Foto 21 / 38
    21oria-antichedimore


    Ma dove soggiornare? Potete prenotare presso le Antiche Dimore Oria, un palazzo storico dei primi del ‘900, ben restaurato: www.antichedimoreoria.it


  • Foto 22 / 38

  • Foto 23 / 38
    23oria-bblechianche


    Se amate la campagna e desiderate avere a disposizione una piscina, il B&B le Cianche è l’ideale: www.bedlechianche.it


  • Foto 24 / 38

  • Foto 25 / 38

  • Foto 26 / 38
    26oria-borgodioriaresort


    Se desiderate vivere l’atmosfera del centro storico nelle antiche case del borgo, mirabilmente restaurate www.borgodioria.it


  • Foto 27 / 38

  • Foto 28 / 38

  • Foto 29 / 38
    29oria-domusfrumenti


    Di recente restaurati, ecco due graziosi appartamenti nel cuore del centro storico di Oria: www.domusfrumenti.it


  • Foto 30 / 38

  • Foto 31 / 38
    31oria-latanadellupo


    Pietra leccese e mirabile restauro nella casa La Tana del Lupo, dove Pompea e Giuseppe, i due proprietari si faranno in quattro per accogliervi a aiutarvi a risolvere qualsiasi problema www.latanadel-lupo.com


  • Foto 32 / 38
    32oria-latrozzella


    In un palazzo storico del ‘500, mirabilmente restaurato ecco una casa dotata di tutti i comfort con un magnifico terrazzo su Oria, '); document.write(addy3673); document.write('<\/a>'); //-->\n This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. "> This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.


  • Foto 33 / 38
    33oria-latrozzella1


    This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.


  • Foto 34 / 38

  • Foto 35 / 38

  • Foto 36 / 38
    36oria-ristorantelatorretta


    E la sera giro di pizze e prezzemolata (pasta ripiena di pesce) nel ristorante la Torretta a Oria, vicino al Santuario del Santi Medici alla Macchia


  • Foto 37 / 38
    37oria-ristorantemedievalinn


    Per rivivere anche a tavola l’atmosfera del borgo medieovale, appuntamento nel ristorante The Medieval Inn www.themedievalinn.it


  • Foto 38 / 38
    39oria-santimedici


    Intanto, dopo i riti della Settimana Santa, il quinto giovedì dopo Pasqua si festeggiano i Santi Medici, che richiamano fedeli da tutto il Centro Sud