Oria e Roseto Capo Spulico Festeggiano la loro amicizia con un grande evento

  • 1roseto-castellospiaggiam.JPG
  • 2woria-rosetocapospulico-fotodigruppo.jpg
  • wcattedrale-sindaci.jpg
  • wspettacolo-sbandieratori-PIRAMIDE.jpg
  • wtalk-show.jpg

Oria e Roseto Capo Spulico festeggiano la loro amicizia con un grande evento. Dopo il successo del Torneo dei Rioni a Oria, a fare da scenario, questa volta, sarà l’affascinante cittadina di Roseto Capo Spulico, in Calabria, con il suo castello federiciano a picco sul mare. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco, Rosanna Mazzia con l’assessore al turismo Sabrina Franco, ha organizzato una due giorni di eventi nell’ambito dell’evento nazionale BAI (Borghi autentici d’Italia). Ospiti d’onore la delegazione di Oria, che sarà composta dal sindaco e dal vicesindaco di Oria, Cosimo Ferretti ed Egidio Conte, dal presidente della Pro Loco Pino Malva, da alcuni componenti del direttivo, il vicepresidente,  Andrea Almiento e i consiglieri Simona Micelli, Daniele Nisi e Antonio Carone e dalla giornalista Carmen Mancarella che ha messo in contatto i due territori.

Sabato 23 settembre è stata programmata una conferenza stampa a Roseto Capo Spulico, che sarà seguita da una cena medioevale in piazza, all’aperto. La mattina al via giochi medioevali. Prevista l’esibizione degli sbandieratori di Oria, in rappresentanza di tutte le compagnie di sbandieratori presenti nella cittadina medioevale.

“Siamo felici di aver siglato un protocollo di intesa di collaborazione e di promozione reciproca nel segno di Federico II”, dicono il sindaco di Roseto Capo Spulico, Rosanna Mazzia e l’assessore al turismo, Sabrina Franco. “Molti sono gli aspetti culturali che legano le due città”.

Anche Roseto Capo Spulico, come Oria, sorge in collina, ma si affaccia sul mare. Ha un castello federiciano, molto suggestivo, costruito sulla roccia di Roseto e fonda la sua economia su agricoltura e turismo registrando di anno in anno un considerevole aumento dei flussi turistici. Città dell’olio e delle ciliegie, Roseto vanta diversi prodotti tipici Deco (denominazione di origine comunale).

“Quando la giornalista Carmen Mancarella ci ha proposto Roseto quale ospite d’onore al Torneo dei Rioni di quest’anno, non ci abbiamo pensato su due volte”, dice il presidente della Pro Loco, Pino Malva. “Il nostro obiettivo è infatti quello di legare Oria alle altre città, amate da Federico II, con le quali possiamo coltivare gli stessi interessi e condividere le stesse strategie di promozione e sviluppo”.

 “Siamo solo all’inizio di un percorso”, dicono il sindaco  e il vicesindaco di Oria, Cosimo Ferretti ed  Egidio Conte. “Andremo a Roseto Capo Spulico per conoscere meglio questa realtà e scambiare esperienze e buone prassi tracciando un itinerario ideale nel segno di Federico II”.

Oria e Roseto Capo Spulico Festeggiano la loro amicizia con un grande evento

  • 1roseto-castellospiaggiam.JPG
  • 2woria-rosetocapospulico-fotodigruppo.jpg
  • wcattedrale-sindaci.jpg
  • wspettacolo-sbandieratori-PIRAMIDE.jpg
  • wtalk-show.jpg

Oria e Roseto Capo Spulico festeggiano la loro amicizia con un grande evento. Dopo il successo del Torneo dei Rioni a Oria, a fare da scenario, questa volta, sarà l’affascinante cittadina di Roseto Capo Spulico, in Calabria, con il suo castello federiciano a picco sul mare. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco, Rosanna Mazzia con l’assessore al turismo Sabrina Franco, ha organizzato una due giorni di eventi nell’ambito dell’evento nazionale BAI (Borghi autentici d’Italia). Ospiti d’onore la delegazione di Oria, che sarà composta dal sindaco e dal vicesindaco di Oria, Cosimo Ferretti ed Egidio Conte, dal presidente della Pro Loco Pino Malva, da alcuni componenti del direttivo, il vicepresidente,  Andrea Almiento e i consiglieri Simona Micelli, Daniele Nisi e Antonio Carone e dalla giornalista Carmen Mancarella che ha messo in contatto i due territori.

Sabato 23 settembre è stata programmata una conferenza stampa a Roseto Capo Spulico, che sarà seguita da una cena medioevale in piazza, all’aperto. La mattina al via giochi medioevali. Prevista l’esibizione degli sbandieratori di Oria, in rappresentanza di tutte le compagnie di sbandieratori presenti nella cittadina medioevale.

“Siamo felici di aver siglato un protocollo di intesa di collaborazione e di promozione reciproca nel segno di Federico II”, dicono il sindaco di Roseto Capo Spulico, Rosanna Mazzia e l’assessore al turismo, Sabrina Franco. “Molti sono gli aspetti culturali che legano le due città”.

Anche Roseto Capo Spulico, come Oria, sorge in collina, ma si affaccia sul mare. Ha un castello federiciano, molto suggestivo, costruito sulla roccia di Roseto e fonda la sua economia su agricoltura e turismo registrando di anno in anno un considerevole aumento dei flussi turistici. Città dell’olio e delle ciliegie, Roseto vanta diversi prodotti tipici Deco (denominazione di origine comunale).

“Quando la giornalista Carmen Mancarella ci ha proposto Roseto quale ospite d’onore al Torneo dei Rioni di quest’anno, non ci abbiamo pensato su due volte”, dice il presidente della Pro Loco, Pino Malva. “Il nostro obiettivo è infatti quello di legare Oria alle altre città, amate da Federico II, con le quali possiamo coltivare gli stessi interessi e condividere le stesse strategie di promozione e sviluppo”.

 “Siamo solo all’inizio di un percorso”, dicono il sindaco  e il vicesindaco di Oria, Cosimo Ferretti ed  Egidio Conte. “Andremo a Roseto Capo Spulico per conoscere meglio questa realtà e scambiare esperienze e buone prassi tracciando un itinerario ideale nel segno di Federico II”.